Connect with us

Parfums

B.Blumarine, la nuova fragranza delicata come un mazzo di rose

Il nuovo profumo della prestigiosa Casa di Moda italiana appartiene alla famiglia olfattiva dei floreali-fruttati. Tutto ruota attorno alle note di cuore dall’intensa femminilità dell’estratto naturale di rosa centifolia.

Published

on

B-Blumarine-il-nuovo-profumo-donna-tendenza-fragranza-estate-2019-di-Blumarine

Profuma di moda e di magia, di bellezza e femminilità, di gioia ed energia creativa. B. Blumarine non è solo la nuova fragranza del leggendario marchio Made in Italy, è anche il racconto in forma olfattiva dei segreti d’immagine della donna Blumarine. Allegra, vivace, energica e vitale, ha la seducente leggerezza di un abito in chiffon e la forza invincibile dell’ottimismo. È romantica come una bellissima stampa a fiori e decisa come il colore del cielo in un giorno senza nuvole. Domina la scena con naturalezza e semplicità: si fa sempre notare per la sua eleganza sognante, ma non è mai troppo lontana dalla realtà.

Proprio per questo Marie Salamagne, giovane firma della profumeria d’alta gamma, ha costruito una complessa partitura olfattiva attorno alla rosa centifolia, fiore-simbolo della maison. All’aroma inconfondibile della “regina delle rose” (così viene chiamata anche Anna Molinari, anima creativa di Blumarine) si affiancano gli accenti floreali di gelsomino e passiflora oltre a quelli fruttati di pompelmo rosa, pera e cassis. Il sigillo di tutta questa dolce freschezza è dato dagli accordi sensuali di muschio, sandalo e legno di cedro. B. Blumarine ingolosisce (tendenza gourmand) e incuriosisce come la moda. Un profumo capace di trasformare le donne in top model da passerella.

La fragranza

Appartiene alla famiglia olfattiva dei floreali-fruttati. Tutto ruota attorno alle note di cuore in cui l’intensa femminilità dell’estratto naturale di rosa centifolia trova gli accordi luminosi dei petali di gelsomino e del fiore di passiflora. Le note di testa sono quindi fresche e gioiose con i toni fruttati di pompelmo rosa, pera e cassis, uno speciale tipo di mora con cui in Francia si produce un dolce sciroppo color rubino. Nelle note di fondo il naso Marie Salamagne ha avvolto la decisa sensualità dei legni di cedro e sandalo con le soffici e brillanti tonalità del muschio. Il risultato è un profumo vivace e frizzante, irresistibile e avvolgente, qualcosa che scivola addosso e resta sulla pelle come l’impeccabile carezza di un abito creato su misura.

B-Blumarine-il-nuovo-profumo-donna-tendenza-fragranza-estate-2019-di-Blumarine

Il flacone

Un parallelepipedo rettangolo in cristallo molato che lascia trasparire la preziosa sfumatura rosa del profumo. Su un lato della bottiglia, al centro, compare la scritta B. Blumarine nello stesso elegante corsivo del marchio. Le lettere sono turchesi come il prezioso fiore in chiffon con stampa floreale posizionato intorno al collarino con una catenella dorata. Questo insolito gioiello del flacone può anche diventare un ciondolo, un anello oppure un portafortuna da profumare e conservare in borsa, nell’armadio o nei cassetti. La sua collocazione naturale rimane però il sofisticato nebulizzatore a pressione in metallo dorato. Il tappo è un piccolo parallelepipedo rettangolo in verticale di Surlyn sulla cui sommità è impresso a caldo e in trasparenza il marchio Blumarine.

Il Packaging

La bottiglia è confezionata in un astuccio in carta materica turchese che ricrea una sensazione di tessuto al tatto. Su tre lati è presente la stessa stampa floreale del fiore in chiffon, creata in esclusiva dalla casa di moda per questo progetto. Sull’ultimo lato ci sono gli ingredienti, il marchio e le informazioni tecniche impresse in piccoli caratteri turchesi ton sur ton. Colori e stampe sono la fedele riproduzione cartacea del tessuto creato in esclusiva per Blumarine. Al centro di un riquadro rosa con intorno una cornice d’oro, il nome del profumo B. Blumarine. E sul coperchio compare il marchio a rilievo in oro.

B-Blumarine-il-nuovo-profumo-donna-tendenza-fragranza-estate-2019-di-Blumarine

La campagna

Una grande e importante produzione per mostrare ciò che di solito non si vede: il backstage di una sfilata e di un servizio fotografico. Tutti i personaggi sono reali e interpretano sé stessi a cominciare da Anna Molinari e dai suoi più fedeli collaboratori: la sarta dalle mani d’oro, il team dell’ufficio stile e della comunicazione. Ci sono poi diversi addetti ai lavori della moda: lo stylist, le fashion influencer Veronica Ferraro e Nina Suess, le giornaliste (Laura Asnaghi, Gioia Carozzi, Daniela Fedi, Anna Franco) e la stage manager Titti Baiocchi. Anche parrucchieri, truccatori e vestiariste non sono comparse ma veri professionisti all’opera. Infine ci sono le tre modelle protagoniste della campagna: la bellezza eterea di Sophie Eve, l’eleganza di Martine Fox e il fascino orientale di Yi Han.

La Storytelling del film

Il regista Fabio Jansen ha girato un film a episodi sui 10 frenetici minuti che precedono una grande sfilata. Ogni episodio racconta una storia a sé stante e tutte queste storie insieme diventano una specie di moodboard per B.Blumarine, il profumo che apre le porte della percezione sulla moda.

1. L’azione inizia con un teatrale spostamento del velario che in realtà è la stoffa turchese stampata a fiori rosa di una stupenda gonna in raso di seta. La scena è un autentico backstage allestito sotto gli stucchi dorati di uno storico palazzo milanese. Il ritmo incalzante della colonna sonora segue le azioni frenetiche delle persone che lavorano tra gli stand carichi di vestiti e accessori. I protagonisti dei diversi episodi vengono ripresi in primo piano. C’è la sarta Lucia che sistema in un baleno l’orlo della gonna accidentalmente lesionato durate la vestizione della modella, mentre i ragazzi dell’ufficio stile controllano la sequenza delle uscite.

2. Arrivano le fashion influencer fresche di “trucco e parrucco”. Si fanno un selfie con l’outfit prescelto per la sfilata e prima di andare a raggiungere il loro posto in prima fila, chiedono alla PR manager un modello della nuova collezione da indossare durante la fashion week in corso. La domanda è sempre: “Can I wear it tomorrow?”. Intanto le modelle vengono vestite e pettinate. La telecamera indugia sui loro volti bellissimi e perfettamente truccati. Un ultimo tocco di fard sulle guance, di rossetto sulle labbra e di olio illuminante sulle gambe per poi procedere alla vestizione.

3. Entrano le quotidianiste, croce e delizia di ogni backstage, sempre in ritardo e con mille cose da dire e da fare in pochi minuti. Vogliono tutte intervistare Anna Molinari davanti al moodboard per carpirle i segreti della collezione e capire le tendenze di stagione. La signora si fa aiutare dal suo team schierato e pronto, mentre mostra il prezioso ricamo di un abito e parla con le giornaliste armate di penna e taccuino. Alle loro spalle c’è una vera e propria folla di persone che premono per avvicinarsi alla stilista nota anche come “La regina delle rose” perché ha un’autentica passione per il più prezioso tra i fiori. Proprio in quel momento arriva un fattorino che le porta un grande mazzo di rose bianche. In un baleno si accendono le telecamere delle televisioni accreditate

4. Qui una giornalista chiede alla responsabile dell’ufficio stampa un caffè per tirarsi su. L’ordine viene prontamente passato a una stagista agitata che nella fretta inciampa. Il volo della bevanda dalla tazza a una stupenda giacca bianca pronta per la prima uscita dello show viene inquadrato in soggettiva. Tutto sembra fermarsi, un istante di vero terrore. Per fortuna Davide, capo dell’ufficio stile, ha un asso nella manica: una seconda giacca bianca nascosta da qualche parte nel backstage. A questo punto il tempo stringe: la stage manager, Titti Baiocchi, sta richiamando tutti all’ordine con il classico avviso: “Five minutes to go”. Due delle top model che solcheranno la passerella, vengono inquadrate in soggettiva mentre esclamano, ciascuna con la sua vera voce e pronuncia: “Blumarine is Romantic” e “Blumarine is Ironic” 5. Le ragazze sono allineate e pronte a sfilare quando l’asiatica Yi Han esce dal line up e corre davanti allo specchio da trucco. Sposta i lunghi capelli neri, afferra la bottiglia di B. Blumarine e spruzza una nuvola di profumo sul collo etereo. Poi toglie una delle due catenine che indossa, che termina con una coccarda in chiffon turchese stampata a fiori e l’avvolge intorno alla sommità della bottiglia esclamando: “Blumarine is joyful”. Un ultimo languido sguardo in camera e si affretta a tornare al suo posto in fila con le altre ragazze. Pronte a uscire dal backstage e ad iniziare la sfilata, tutte insieme gridano: WE ARE BLUMARINE, mentre i flash continuano ad illuminarle e la sala esplode in un applauso di gioia ed incoraggiamento.

Pubblicità
Clicca per lasciare un commento

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply