Atelier Emé, la maison italiana di abiti da sposa, ha presento ieri la collezione 2020 Sposa e Party A/I 2019 nella cornice del prestigioso Headquarter del Gruppo Calzedonia a Verona.  Una sfilata attesissima, immersa in atmosfere surreali e immaginifiche ispirate ad Alice nel Paese delle Meraviglie, il romanzo fantastico di Lewis Carroll.

Ecco tutte le immagini della sfilata:

A incedere sulla passerella, una sposa contemporanea ma che non rinuncia in alcun modo al sogno romantico, una donna sofisticata e dinamica al tempo stesso.  Per questo, le petites mains di Atelier Emé – sotto la guida della Creative Director Raffaella Fusetti – hanno realizzato “l’abito da scoprire”. Sì, perché il wedding gown 3.0 è trasformabile e trasformista, si adatta con semplicità a bisogni e situazione della sposa nel suo giorno più bello. Contemporaneo e versatile è splendido nel suo incedere lungo la navata della chiesa, impeccabile ed easy-to-wear al party dopo cerimonia.

Poetico poi l’inedito “Crochet Effect” che – oltre al pizzo Sangallo, che rimane un must per chi ama abiti femminili e senza tempo, anche su base organza – che si aggiunge al Pizzo Crinolino a impreziosire in maniera garbata delicati giochi di trasparenze.

La femminilità viene esaltata dal “Blooming Pink”, una vera e propria vie en rose di tessuti che gioca con una palette che sfuma delicatamente da tonalità tenui e delicate verso nuance più intense. Un vero e proprio inno al colore femminile per antonomasia.

“Love Essence” poi è una dichiarazione d’amore universale per il coté più classico e romantico della collezione. I tessuti si fanno tela d’artista sui quali ricami preziosi raccontano un’histoire d’amour indissolubile tra la sposa e il suo abito.

Favolosi tripudi di tulle e organze di seta per “Maxi Volume”, dove gonne vaporose arricchiscono abiti couture effetto principessa, o impreziosiscono ancor di più spettacolari silhouette dall’aspetto scultoreo.  Grandiose costruzioni, per un effetto scenico assicurato.

In sfilata, incedono poi anche i party look d’eccezione firmati Atelier Emé, perfetti per le invitate o – perché no – per un cambio d’abito dopo cerimonia dinamico e iper femminile. Quest’anno l’accento è posto su look che strizzano l’occhio alle tendenze viste in passerella. “From bar to bed” propone un loungewear deluxe dove pigiami, sottovesti di seta e vestaglie vengono indossati con nonchalance fuori dal loro contesto, abbinati a décolletées e pochette per look cocktail estremamente sofisticati. Perfettamente aderente al trend anche “Sparkling ‘80s”, serie di capi dalle forme e texture Anni Ottanta.  Tessuti full paillettes, maglie lurex, borchie rock per outfit che valorizzano le spalle strutturate e pantaloni ampi e fluidi.

Le ospiti in Front Row

www.atelier-eme.it


Hai gradito questo articolo? Condividilo con i tuoi amici!

LVdB